1 month ago

CASO BERTOCCI - da " il Tirreno", 21/10/2018

Un altro pezzo di occupazione alza bandiera bianca nel nostro territorio. È recente la notizia che l’azienda Bertocci Montaggi ha avviato la procedura ... See more

1 month ago
Movimento 5 Stelle Piombino

Questa sera!

Non mancare!

Ti aspettiamo lunedì 22 a Populonia, nella Sala di Quartiere in Piazza Minto 1.

Link dell'evento:
https://www.facebook.com/events/551610861926781/

1 month ago
Foto dal post di Movimento 5 Stelle Piombino

Ora sul palco il Presidente del Consiglio
#Italia5Stelle
#m5s

1 month ago
Foto dal post di Movimento 5 Stelle Piombino

Sul palco di #Italia5Stelle il nostro ministro della giustizia Alfonso Bonafede

1 month ago

CASO BERTOCCI

Un altro pezzo di occupazione alza bandiera bianca nel nostro territorio. È recente la notizia che l’azienda Bertocci Montaggi ha avviato la procedura per il licenziamento di 15 dei ... See more

1 month ago

#Italia5Stelle
Con il consigliere regionale Gabriele Bianchi

1 month ago
Foto dal post di Movimento 5 Stelle Piombino

Siamo arrivati a #Italia5Stelle !
Abbiamo subito incontrato il consigliere regionale Giacomo Giannarelli

1 month ago
Foto dal post di Movimento 5 Stelle Piombino

In viaggio verso Italia a 5 Stelle!
#m5s

1 month ago

In piazza Cappelletti info point Movimento 5 Stelle Piombino.
Vieni a trovarci!

1 month ago

Non mancare!

Ti aspettiamo lunedì 22 a Populonia, nella Sala di Quartiere in Piazza Minto 1.

Link dell'evento:
https://www.facebook.com/events/551610861926781/

1 month ago

INFOPOINT!

Il M5S Piombino torna in piazza con i banchetti informativi.
Ci troverai sabato 20 Ottobre in Piazza Cappelletti, dalle 16:30 alle 19:30.

1 month ago

Pronti? Si parte 💪Domenica 21 ottobre
Italia 5⭐⭐⭐⭐⭐
Partenza da Piombino: h. 6.30 TERMINAL BUS Via Leonardo da Vinci
Da Venturina ZONA FIERA h. 6.45
Da Follonica ZONA STAZIONE Via ... See more

1 month ago

+++ SAVE THE DATE +++

Venerdì 26 Ottobre, alla sala del Perticale, si svolgerà un evento pubblico aperto a tutti i cittadini sul tema "sicurezza".

I relatori saranno due segretari del Sindacato ... See more

1 month ago

A seguito di alcune segnalazioni da parte di genitori di alunni di Via XXV Aprile, il Movimento 5 Stelle Piombino, attraverso i suoi consiglieri comunali, si è attivato per capire le motivazioni che ... See more

1 month ago

Sono disponibili ancora una decina di posti per #Italia5Stelle.
Partenza domenica 21 ottobre, ore 6:15 circa da Piombino.
Spesa prevista €20/22 a testa.
Rientro entro la mezzanotte a Piombino. ... See more

2 months ago

Sono stati pubblicati da Arpat i dati riguardo la raccolta differenziata nei comuni di alcune province toscane.

Nella nostra provincia, quella di Livorno, Piombino è ultima classificata tra le ... See more

2 months ago

Grazie al lavoro del nostro gruppo consiliare iniziato durante il Consiglio Comunale del 25/05/18, dove richiedemmo con una mozione di mettere in atto azioni per il contrasto all'abbandono di bombole ... See more

2 months ago

Vienici a trovare alla nostra assemblea pubblica!

Questa settimana si svolgerà giovedì 11 Ottobre alla Sala del Perticale in Via Lerario.

Porta un amico e segna la tua presenza al link ... See more

2 months ago
Foto dal post di Movimento 5 Stelle Piombino

Il Movimento 5 Stelle Piombino intende organizzare, per la giornata del 21 Ottobre prossimo, un pullman in occasione dell'evento Italia 5 stelle 2018, che si svolgerà a Roma a partire dal giorno ... See more

2 months ago

Sono state nominate in questi giorni dalla Giunta Comunale le due commissioni che valuteranno l'ammissibilità dei quesiti referendari su Rimateria.

Le stesse risultano composte dal Presidente ... See more

2 months ago

Da adesso siamo anche su Instagram!

Resta sempre aggiornato con il nostro nuovo account:
https://www.instagram.com/movimento5stellepiombino/

2 months ago

La nuova tariffa unica del trasporto per mezzo di autobus pubblici, entrata in vigore il 1 Luglio di quest'anno, mette fine a una situazione paradossale che lasciava mano libera, nella determinazione ... See more

2 months ago

Dal Tirreno di stamattina 🏷
#ortibottagone #wwf #ambiente #piombino

2 months ago
Movimento 5 Stelle Piombino

BUONE NOTIZIE!

Durante il consiglio comunale di ieri, 1 Ottobre, sono state approvate due nostre mozioni.

La prima prevede che chi beneficia di contributi in denaro erogati dal Comune, abbia ... See more

2 months ago
Giacomo Giannarelli

In diretta dal Metropolitan all'Assemblea generale confindustria, con Giacomo Giannarelli

Sono all assemblea annuale di Confindustria, ancora oggi viviamo un emergenza socio economica per la nostra costa TOSCANA, ecco il mio intervento:

2 months ago
Foto dal post di Movimento 5 Stelle Piombino

BUONE NOTIZIE!

Durante il consiglio comunale di ieri, 1 Ottobre, sono state approvate due nostre mozioni.

La prima prevede che chi beneficia di contributi in denaro erogati dal Comune, abbia ... See more

2 months ago

SECONDA PARTE DEL CONSIGLIO COMUNALE!

2 months ago

NON MANCARE!

Questa sera ti aspettiamo all'assemblea pubblica aperta a tutti i cittadini, dalle ore 21:00.

Segna la tua partecipazione al link ... See more

2 months ago

CONSIGLIO COMUNALE IN DIRETTA!

2 months ago

ASSEMBLEE PUBBLICHE DI OTTOBRE:

Lunedi 1/10 - Sala di quartiere del Perticale
Giovedi 11/10 - Sala di quartiere del Perticale
Lunedi 2210 - Sala di quartiere di Populonia
Lunedi 29/10 - Sala di ... See more

2 months ago

Con la Manovra del Popolo stiamo mantenendo le promesse fatte! Ieri dicevano che era impossibile. Oggi dicono che non si doveva fare. Domani rimarranno in silenzio.

2 months ago

+++ CONSIGLIO COMUNALE +++

Ecco le proposte che il Movimento 5 Stelle Piombino porterà nel prossimo Consiglio Comunale lunedì 01 ottobre 2018.

Condividi con gli amici!

2 months ago
MoVimento 5 Stelle

LA NORMA SUI SEGGIOLINI ANTI-ABBANDONO È LEGGE!

- In Italia 1 genitore su 4 ammette di aver dimenticato il figlio in auto
- Nel 2018 in tutto il mondo hanno perso la vita già 45 bambini ... See more

2 months ago
Foto dal post di Movimento 5 Stelle Piombino

Il Movimento 5 Stelle Piombino intende organizzare, per la giornata del 21 Ottobre prossimo, un pullman in occasione dell'evento Italia 5 stelle 2018, che si svolgerà a Roma a partire dal giorno ... See more

2 months ago

INUTILE ARRAMPICARSI SUGLI SPECCHI.

Leggendo il comunicato di risposta del PD alla grande mobilitazione cittadina contro il progetto Rimateria, si evidenziano chiaramente alcune importanti ... See more

2 months ago

Come Movimento 5 Stelle Piombino ci auguriamo che la notte che sta per arrivare porti consiglio ai sindaci del Comune di Piombino, Campiglia, Suvereto e San Vincenzo, che domani trovino il coraggio ... See more

2 months ago

DOMANI SERA.

Ti aspettiamo a Riotorto!

2 months ago

🏷 22.09.2018

Questa mattina si è svolta la manifestazione, programmata dal Comitato Salute Pubblica di Piombino, contro l'ampliamento della discarica di Ischia di Crociano.
La partecipazione è ... See more

2 months ago

In diretta dalla manifestazione contro l'ampliamento della discarica di Ischia di Crociano

2 months ago

Sabato 22 settembre, alle ore 10.00, in piazza Cappelletti, si terrà una manifestazione organizzata dal comitato salute pubblica contro l'ampliamento della discarica di Ischia di Crociano.
Il M5S ... See more

2 months ago

Abbiamo raccolto tutte le delibere e le determine approvate dall'Amministrazione relativamente alla candidatura di Piombino 2020 sia per la realizzazione di eventi, sia per campagna pubblicitaria. ... See more

2 months ago

BOMBOLE DEL GAS: SI PUÒ FARE DI PIÙ (SENZA ESSERE EROI).

Apprendiamo con soddisfazione che l'Amministrazione Comunale ha dato un seguito all'approvazione della nostra mozione sull'abbandono ... See more

3 months ago

Il M5S Piombino si ritrova nella consueta Assemblea Pubblica aperta a tutti i cittadini.
Vieni a trovarci Lunedì 17 Settembre, alle ore 21:00, alla sala del Perticale!

Segna la tua partecipazione ... See more

3 months ago

Manette: un “bignami” per capire il PD.

Desideriamo ripercorrere la storia di una nostra mozione, risalente a quasi 3 anni fa, quando chiedemmo al consiglio comunale di approvare la nostra ... See more

3 months ago

Ricordiamo a tutti che questa sera ci sarà la consueta assemblea pubblica settimanale.
Ore 21.00, sala del Perticale.
Vi aspettiamo!

3 months ago

3 months ago
La lente dei 5 Stelle sul porto di Piombino

ADDIO ALLA TRATTA MOBY PER LA SARDEGNA
E’ notizia di questi giorni il saluto che Moby (nella linea commerciale Piombino- Sardegna) ha dato alla nostra città, lasciando sul campo un altro vuoto in ... See more

PIOMBINO: Dopo lo stop della tratta commerciale per la Sardegna e i numeri diffusi dall'Autorità portuale, i pentastellati vogliono approfondire la situazione

3 months ago

Questa mattina il Consiglio Comunale di Piombino ha RESPINTO, con il voto contrario del PD, l'ordine del giorno che proponeva di indire un referendum consultivo sul progetto RiMateria.

3 months ago
Sul progetto RiMateria si pronunci la popolazione - Stile libero

Sul progetto RiMateria si pronunci la popolazione: comunicato congiunto di tutte le forze di opposizione in consiglio comunale.

PIOMBINO 29 agosto 2018 - Il PD fino ad oggi ha gestito RiMateria dettando gli indirizzi di una scellerata politica dei rifiuti. Non sono condivisibili due scelte politiche assunte. Da un lato, la ... See more

3 months ago

Ricordiamo a tutti gli interessati che questa sera ci sarà l'assemblea pubblica presso la sala del quartiere di Riotorto (via delle scuole 11/e) alle ore 21.00.
Vi aspettiamo!

4 months ago

Ieri era toccato allo striscione del Coordinamento Art.1, oggi alla bandiera dell'USB. Possiamo solo augurarci che questa volta, la rimozione della bandiera, sia da considerare come l'avventato atto ... See more

4 months ago

4 months ago
Movimento 5 Stelle Piombino

Da questa sera la riunione settimanale del Movimento 5 Stelle Piombino si terrà presso la sala di quartiere a Salivoli.
⭐⭐⭐⭐⭐

ECCO TUTTE LE ASSEMBLEE DEL MESE DI LUGLIO!

Condividi con gli amici e vieni a trovarci!

4 months ago

ANTICIPO PER UNA POLIZZA GIA' PAGATA?

Apprendiamo da un articolo comparso su Stile Libero il 20/07/2018 che: ”Caramassi non ha avuto, al riguardo, remore ad ammettere che venerdì 13 luglio scorso ... See more

4 months ago
MoVimento 5 Stelle

ADESSO SI COMINCIA DAVVERO!
Sono passati quasi due anni e le comunità colpite dal sisma del centro Italia non possono più aspettare. Per questo abbiamo approvato quello che si può definire ... See more

4 months ago
Rifiuti, sviluppo, infrastrutture. Le idee dei Cinque Stelle per Piombino

Il capogruppo del Movimento Cinque Stelle in consiglio regionale Giacomo Giannarelli ha visitato la discarica Rimateria di Ischia di Crociano. No a un ampliamento superiore alle 400mila tonnellate, ... See more

4 months ago
Foto dal post di Movimento 5 Stelle Piombino

Nel pomeriggio abbiamo visitato insieme a Giacomo Giannarelli i cantieri del porto.

4 months ago
Sopralluogo in discarica, la virata 5 Stelle VIDEO

PIOMBINO: Sopralluogo in discarica del consigliere regionale Giannarelli e dei 5 Stelle locali. Promessa di tornare, l'intento è un cambio di rotta

4 months ago

In diretta con il comitato dei cittadini di Colmata

Archivi del mese: aprile 2015

4 Vittorie a 5 Stelle! La Voce dei Cittadini sta cambiando la città

 

Un consiglio comunale costruttivo, sereno, acceso in alcuni momenti ma senza mai perdere di vista l’obiettivo. Così giudichiamo l’ultima seduta svoltasi Lunedì 27 Aprile. Nella sessione mattutina, ha tenuto banco la presentazione del bilancio consuntivo 2014, al quale non abbiamo fatto mancare le nostre critiche, frutto della diversa visione politica rispetto alla maggioranza. Su tutti, ci siamo soffermati sulle spese che riteniamo non idonee, come i contributi ad alcune associazioni, le società partecipate e le mancate riscossioni di crediti verso ASA e campeggio Sant’Albinia. Non stiamo poi qui ad elencare nel dettaglio le annotazioni tecniche ancora una volta fornite dal collegio dei revisori, ormai vera spina nel fianco di questa, come della precedente amministrazione, che ha portato, lo ricordiamo, al l’interesse della Corte dei Conti il bilancio e la gestione finanziaria del nostro comune. Nel resto della sedute, abbiamo visto accogliere all’unanimità ben 4 su 5 delle istanze da noi presentate, tutte scritte insieme ai cittadini, che andiamo qui ad elencare:

1) liquidazione ATM.
                   Abbiamo chiesto, seguendo le disposizioni di legge, di procedere ad avviare l’iter di liquidazione della ATM, la partecipata che un tempo si occupava del trasporto pubblico. Dal 2008, come sappiamo, il servizio è gestito da TIEMME spa, per cui nutriamo seri dubbi sulla funzionalità di un azienda che, seppur svuotata delle sue prerogative, continua a retribuire un consiglio di amministrazione, con due membri ed un presidente. La maggioranza non ha potuto che convenire con noi, quindi la nostra mozione è stata approvata all’unanimità dei presenti.
2) istituzione Registro Tumori.
                     Abbiamo chiesto che anche Piombino, come numerosi altri Comuni d’Italia, facesse un passo nella tutela della salute dei cittadini. Istituire un Registro dei Tumori del Comune di Piombino, in un momento in cui il polo industriale vive una fase di mutazione delle produzioni, con relative bonifiche e rischi del caso, sommato alla presenza ed alla prossima realizzazione di impianti di trattamento e stoccaggio rifiuti, lo riteniamo un atto dovuto verso la cittadinanza. Anche in questo caso, l’intero consiglio ha aderito alla nostra proposta ed abbiamo incassato l’unanimità.
3) NoSat.
                  Per l’ennesima volta, abbiamo verificato la volontà politica della maggioranza sul tema delle infrastrutture. Noi da anni chiediamo che si abbandoni del tutto il progetto SAT ( la trasformazione della superstrada Aurelia gratuita in Autostrada a pagamento) per destinare parte dei fondi stanziati, oltre 270 milioni di euro, al completamento della 398 fino al porto. Ci stupiamo di come, nonostante la volontà più volte espressa a mezzo stampa di ritenere prioritario fornire tale asse di penetrazione fino al porto come strategico per lo sviluppo, la maggioranza del consiglio non abbia approvato l’ordine del giorno in oggetto. La nostra istanza infatti ha ricevuto la sola approvazione di Rifondazione Comunista ed il voto contrario del PD.
4)Stop al Pedaggio di Vada.
         Questa nostra richiesta ci vedeva sostenitori di una iniziativa Regionale di Matteo Tortolini, consigliere uscente in quota pd, nella quale si chiedeva, alla luce delle difficoltà legate al progetto SAT, di abolire il casello a pagamento di Vada-Rosignano, ponendo fine ad un ingiustificato quanto oneroso balzello nelle tasche dei cittadini del territorio. In questo caso la maggioranza, anche per questioni politiche e di partito, ha supportato insieme a noi tale proposta, confermandoci per la terza volta l’unanimità alla prova del voto. Anche questa nostra proposta quindi, è stata approvata dal consiglio.
5) Albo degli Operatori del Proprio Ingegno.
       Gli OPI, sono coloro che si dedicano alla produzione ed alla vendita di oggetti, dalla materia prima alla lavorazione, occupandosi in maniera diretta anche della commercializzazione del prodotto. Si escludono da tale categoria, coloro che producono oggetti in serie. Con questa richiesta, abbiamo inteso da una parte valorizzare il lavoro di artigianato che c’è dietro a queste lavorazioni e dall’altra iniziare un percorso che potrà portare, con i giusti passi, ad un effetto positivo in termini di caratterizzazione dei luoghi di svolgimento delle attività in oggetto. Istituendo un apposito albo, gli OPI potranno beneficiare delle agevolazioni riconosciutagli dalla legge, come l’utilizzo di aree per la vendita o vantaggi economici per lo svolgimento delle attività, distinguendosi da chi, semplicemente venditore ambulante, non produce personalmente gli oggetti. In sede di dibattito, abbiamo richiesto che le attività in questione non siano sfruttate come “riempitivo” per eventi e piazze, ma che il percorso inizi riservandogli dapprima una posizione logistica vantaggiosa, per poi valutare, una volta fidelizzata l’utenza, lo spostamento delle aree dedicate della città. Su questa richiesta, abbiamo ottenuto voto favorevole, ancora una volta unanime, dal consiglio comunale.

Che dire, su 5 nostre proposte, scritte insieme ai cittadini, che giornalmente ci contattano per segnalazioni e suggerimenti, ben quattro hanno trovato accoglimento. Non possiamo non ritenerci soddisfatti, ma il lavoro duro non finisce qui: sarà infatti compito della Giunta e del Sindaco, nonché della macchina comunale, dare attuazione concreta agli indirizzi indicati dal Consiglio Comunale. Dal canto nostro, vigileremo affinché tutto avvenga nei tempi e nei modi più giusti e trasparenti.

Ringraziamo i cittadini che hanno partecipato con noi ed invitiamo a continuare a seguire la nostra attività politica, affinché la voce dei cittadini, poco alla volta, cambi in meglio questa città.

 

 

4 Vittorie a 5 Stelle! La Voce dei Cittadini sta cambiando la città

Un consiglio comunale costruttivo, sereno, acceso in alcuni momenti ma senza mai perdere di vista l’obiettivo. Così giudichiamo l’ultima seduta svoltasi Lunedì 27 Aprile. Nella sessione mattutina, ha tenuto banco la presentazione del bilancio consuntivo 2014, al quale non abbiamo fatto mancare le nostre critiche, frutto della diversa visione politica rispetto alla maggioranza. Su tutti, ci siamo soffermati sulle spese che riteniamo non idonee, come i contributi ad alcune associazioni, le società partecipate e le mancate riscossioni di crediti verso ASA e campeggio Sant’Albinia. Non stiamo poi qui ad elencare nel dettaglio le annotazioni tecniche ancora una volta fornite dal collegio dei revisori, ormai vera spina nel fianco di questa, come della precedente amministrazione, che ha portato, lo ricordiamo, al l’interesse della Corte dei Conti il bilancio e la gestione finanziaria del nostro comune. Nel resto della sedute, abbiamo visto accogliere all’unanimità ben 4 su 5 delle istanze da noi presentate, tutte scritte insieme ai cittadini, che andiamo qui ad elencare:

1) liquidazione ATM.
                   Abbiamo chiesto, seguendo le disposizioni di legge, di procedere ad avviare l’iter di liquidazione della ATM, la partecipata che un tempo si occupava del trasporto pubblico. Dal 2008, come sappiamo, il servizio è gestito da TIEMME spa, per cui nutriamo seri dubbi sulla funzionalità di un azienda che, seppur svuotata delle sue prerogative, continua a retribuire un consiglio di amministrazione, con due membri ed un presidente. La maggioranza non ha potuto che convenire con noi, quindi la nostra mozione è stata approvata all’unanimità dei presenti.
2) istituzione Registro Tumori.
                     Abbiamo chiesto che anche Piombino, come numerosi altri Comuni d’Italia, facesse un passo nella tutela della salute dei cittadini. Istituire un Registro dei Tumori del Comune di Piombino, in un momento in cui il polo industriale vive una fase di mutazione delle produzioni, con relative bonifiche e rischi del caso, sommato alla presenza ed alla prossima realizzazione di impianti di trattamento e stoccaggio rifiuti, lo riteniamo un atto dovuto verso la cittadinanza. Anche in questo caso, l’intero consiglio ha aderito alla nostra proposta ed abbiamo incassato l’unanimità.
3) NoSat.
                  Per l’ennesima volta, abbiamo verificato la volontà politica della maggioranza sul tema delle infrastrutture. Noi da anni chiediamo che si abbandoni del tutto il progetto SAT ( la trasformazione della superstrada Aurelia gratuita in Autostrada a pagamento) per destinare parte dei fondi stanziati, oltre 270 milioni di euro, al completamento della 398 fino al porto. Ci stupiamo di come, nonostante la volontà più volte espressa a mezzo stampa di ritenere prioritario fornire tale asse di penetrazione fino al porto come strategico per lo sviluppo, la maggioranza del consiglio non abbia approvato l’ordine del giorno in oggetto. La nostra istanza infatti ha ricevuto la sola approvazione di Rifondazione Comunista ed il voto contrario del PD.
4)Stop al Pedaggio di Vada.
         Questa nostra richiesta ci vedeva sostenitori di una iniziativa Regionale di Matteo Tortolini, consigliere uscente in quota pd, nella quale si chiedeva, alla luce delle difficoltà legate al progetto SAT, di abolire il casello a pagamento di Vada-Rosignano, ponendo fine ad un ingiustificato quanto oneroso balzello nelle tasche dei cittadini del territorio. In questo caso la maggioranza, anche per questioni politiche e di partito, ha supportato insieme a noi tale proposta, confermandoci per la terza volta l’unanimità alla prova del voto. Anche questa nostra proposta quindi, è stata approvata dal consiglio.
5) Albo degli Operatori del Proprio Ingegno.
       Gli OPI, sono coloro che si dedicano alla produzione ed alla vendita di oggetti, dalla materia prima alla lavorazione, occupandosi in maniera diretta anche della commercializzazione del prodotto. Si escludono da tale categoria, coloro che producono oggetti in serie. Con questa richiesta, abbiamo inteso da una parte valorizzare il lavoro di artigianato che c’è dietro a queste lavorazioni e dall’altra iniziare un percorso che potrà portare, con i giusti passi, ad un effetto positivo in termini di caratterizzazione dei luoghi di svolgimento delle attività in oggetto. Istituendo un apposito albo, gli OPI potranno beneficiare delle agevolazioni riconosciutagli dalla legge, come l’utilizzo di aree per la vendita o vantaggi economici per lo svolgimento delle attività, distinguendosi da chi, semplicemente venditore ambulante, non produce personalmente gli oggetti. In sede di dibattito, abbiamo richiesto che le attività in questione non siano sfruttate come “riempitivo” per eventi e piazze, ma che il percorso inizi riservandogli dapprima una posizione logistica vantaggiosa, per poi valutare, una volta fidelizzata l’utenza, lo spostamento delle aree dedicate della città. Su questa richiesta, abbiamo ottenuto voto favorevole, ancora una volta unanime, dal consiglio comunale.

Che dire, su 5 nostre proposte, scritte insieme ai cittadini, che giornalmente ci contattano per segnalazioni e suggerimenti, ben quattro hanno trovato accoglimento. Non possiamo non ritenerci soddisfatti, ma il lavoro duro non finisce qui: sarà infatti compito della Giunta e del Sindaco, nonché della macchina comunale, dare attuazione concreta agli indirizzi indicati dal Consiglio Comunale. Dal canto nostro, vigileremo affinché tutto avvenga nei tempi e nei modi più giusti e trasparenti.

Ringraziamo i cittadini che hanno partecipato con noi ed invitiamo a continuare a seguire la nostra attività politica, affinché la voce dei cittadini, poco alla volta, cambi in meglio questa città.

 

#AcquaThriller – sesta puntata: ASA VA OLTRE. Ritorno allo sportello

PREMESSA

Quella che segue è una storia vera, documentata, semplificata e raccontata in prima persona da Carlo Pistolesi, solo per semplicità di esposizione. 

  La Storia, sesta puntata 

 

La risposta di ASA non arriva; in compenso arriva la fattura di agosto 2014 con la quale ASA richiede ancora il pagamento della rata n. 10, mentre ingrossano gli interessi di mora a mio carico. Che fine abbia fatto il mio fax non è dato a sapere.

 

Ritorno quindi nell’ufficio ASA di Venturina, questa volta deciso a non uscirne senza aver risolto la questione. L’impiegata alla fine scopre un errore, ma secondo lei la colpa è mia che ho numerato i bonifici da 1 a 10, quando invece dovevo partire da 2, perché per ASA il pagamento n. 1 era l’acconto versato per chiedere il riconoscimento della perdita occulta.

A tutto c’è un limite, tiro fuori il piano di rateizzazione predisposto da ASA e faccio presente, questa volta con decisione, che ho seguito la numerazione indicata da ASA e che se di sbagli si doveva parlare allora l’unico a sbagliare era ASA e che era venuto il momento di chiudere la questione.

L’impiegata riprende la ricerca e scopre che l’ufficio ASA di Livorno ha rimborsato  l’importo di una rata già pagata, senza comunicarmi nulla, al solo scopo di far tornare i progressivi, ma intanto così viene a mancare un pagamento!

L’impiegata questa volta non può che confermare l’errore di ASA, annulla la fattura, ne riemette una seconda, senza interessi di mora, e mi consegna un bollettino per ripagare la rata già pagata e compensata erroneamente da ASA e a mia insaputa.

 

Pago il bollettino e penso finalmente di essere a posto, ma sbaglio! Il comportamento di ASA va ben oltre la più creativa immaginazione…

 

…Segui #AcquaThriller per scoprire come finisce…

 

PROSSMA PUNTATA: fra sette giorni esatti

#AcquaThriller – sesta puntata: ASA VA OLTRE. Ritorno allo sportello

PREMESSA

Quella che segue è una storia vera, documentata, semplificata e raccontata in prima persona da Carlo Pistolesi, solo per semplicità di esposizione. 

  La Storia, sesta puntata 

 

La risposta di ASA non arriva; in compenso arriva la fattura di agosto 2014 con la quale ASA richiede ancora il pagamento della rata n. 10, mentre ingrossano gli interessi di mora a mio carico. Che fine abbia fatto il mio fax non è dato a sapere.

 

Ritorno quindi nell’ufficio ASA di Venturina, questa volta deciso a non uscirne senza aver risolto la questione. L’impiegata alla fine scopre un errore, ma secondo lei la colpa è mia che ho numerato i bonifici da 1 a 10, quando invece dovevo partire da 2, perché per ASA il pagamento n. 1 era l’acconto versato per chiedere il riconoscimento della perdita occulta.

A tutto c’è un limite, tiro fuori il piano di rateizzazione predisposto da ASA e faccio presente, questa volta con decisione, che ho seguito la numerazione indicata da ASA e che se di sbagli si doveva parlare allora l’unico a sbagliare era ASA e che era venuto il momento di chiudere la questione.

L’impiegata riprende la ricerca e scopre che l’ufficio ASA di Livorno ha rimborsato  l’importo di una rata già pagata, senza comunicarmi nulla, al solo scopo di far tornare i progressivi, ma intanto così viene a mancare un pagamento!

L’impiegata questa volta non può che confermare l’errore di ASA, annulla la fattura, ne riemette una seconda, senza interessi di mora, e mi consegna un bollettino per ripagare la rata già pagata e compensata erroneamente da ASA e a mia insaputa.

 

Pago il bollettino e penso finalmente di essere a posto, ma sbaglio! Il comportamento di ASA va ben oltre la più creativa immaginazione…

 

…Segui #AcquaThriller per scoprire come finisce…

 

PROSSMA PUNTATA: fra sette giorni esatti

“la Trattativa” CEVITAL: ecco il testo integrale della Nostra interrogazione in Senato

nella foto : Sara Paglini e Laura Bottici

 

Sul sito del senato, è disponibile il TESTO INTEGRALE della Nostra interrogazione sulla TRATTATIVA CEVITAL

 

ecco il testo:

 

Atto n. 4-03838

Pubblicato il 22 aprile 2015, nella seduta n. 435

PAGLINI , PUGLIA , CATALFO , FUCKSIA , BOTTICI , SERRA , NUGNES , MARTELLI , MORONESE , SANTANGELO , AIROLA , CIOFFI , GIARRUSSO– Al Ministro dello sviluppo economico. –

Premesso che:

in data 11 marzo 2015 è stata presentata, dalla prima firmataria del presente atto di sindacato ispettivo, presso il Ministero dello sviluppo economico formale istanza di accesso per estrarre copia degli atti riguardanti l’accordo Cevital, relativo al futuro delle ex acciaierie Lucchini di Piombino (PEC dell’11 marzo 2015);

la richiesta era stata preceduta da una serie di contatti telefonici con i funzionari degli uffici preposti del Ministero, a partire dal 17 dicembre 2014, data in cui è stata formulata una prima richiesta scritta;

i funzionari ministeriali interpellati avevano assicurato la più ampia collaborazione, garantendo che avrebbero rapidamente dato risposta alla richiesta presentata;

tuttavia il Ministero non ha mai fornito risposta scritta né alcuna documentazione, omettendo di rispondere anche a seguito di successive sollecitazioni;

solo in data 26 marzo 2015, a fronte di una nuova richiesta inoltrata direttamente al capo di Gabinetto, Vito Cozzoli, via PEC, è stato risposto per iscritto che la richiesta di accesso agli atti relativi all’accordo Cevital non può essere accolta (Uffici di diretta collaborazione del Ministro, Struttura UDCM-GAB., R.U. Prot. N. 0007370 – 26 marzo 2015);

considerato che, a quanto risulta agli interroganti:

il citato accordo è stato definito dal Governo come la soluzione che avrebbe rilanciato l’area industriale di Piombino dopo la chiusura dell’altoforno;

l’accordo, firmato tra il presidente della società Cevital, signor Issad Rebrab, e il commissario straordinario dell’acciaieria di Piombino, signor Piero Nardi, presso la Presidenza del Consiglio dei ministri alla presenza del premier, del Ministro dello sviluppo economico, del presidente della Regione Toscana e del sindaco di Piombino ha avuto una grande rilevanza mediatica;

lo stesso presidente Renzi ed autorevoli esponenti del Governo, tra cui il Ministro dello sviluppo economico, Federica Guidi, hanno ampiamente diffuso il messaggio che l’accordo avrebbe risolto molti dei problemi occupazionali dell’area e risollevato l’industria dell’acciaio (industria storicamente radicata a Piombino dall’800);

il Presidente del Consiglio dei ministri, a conclusione dell’accordo ha dichiarato: «Esprimo gioia, soddisfazione e gratitudine perché quest’accordo è strategico e rappresenta un grande messaggio agli investitori stranieri e per il futuro di un settore assolutamente decisivo per il domani. Oggi siamo felici di dire che, nell’ambito di un mercato globale, la qualità dell’Italia è fare cose belle con grande tenacia. Piombino è un pezzo del futuro dell’Italia» (da un articolo “Con Cevital Piombino è un pezzo del futuro dell’Italia”, “Il Tirreno”, cronaca locale di Piombino-Elba, del 9 dicembre 2014) e ha espresso soddisfazione anche attraverso “Twitter” con un messaggio;

considerato che, a parere degli interroganti:

gli eventi successivi all’accordo smentiscono evidentemente le dichiarazioni fatte dagli esponenti del Governo a seguito dell’accordo stipulato con Cevital;

se effettivamente tale accordo è stato risolutivo, non si comprende quale sia il motivo per cui dopo quasi 5 mesi l’altoforno è ancora spento e perché non si siano ancora concretizzate positive prospettive occupazionali per i lavoratori, né siano state intraprese concrete iniziative di sviluppo dell’area attraverso un chiaro piano industriale;

se effettivamente tale accordo è così vantaggioso per la collettività e per il futuro dei lavoratori, si rilevano circostanze di cui è difficile dare una spiegazione, sia per quanto riguarda le omissioni del Ministero che gli ostacoli frapposti al pieno accesso agli atti che compongono l’accordo,

si chiede di sapere:

se il Ministro in indirizzo intenda trasmettere alle Commissioni parlamentari competenti la documentazione relativa all’accordo;

quale sia la posizione del Governo sul futuro industriale dell’area di Piombino.

 

link al sito del Senato http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Sindisp&leg=17&id=913157

“la Trattativa” CEVITAL: ecco il testo integrale della Nostra interrogazione in Senato

nella foto : Sara Paglini e Laura Bottici

 

Sul sito del senato, è disponibile il TESTO INTEGRALE della Nostra interrogazione sulla TRATTATIVA CEVITAL

 

ecco il testo:

 

Atto n. 4-03838

Pubblicato il 22 aprile 2015, nella seduta n. 435

PAGLINI , PUGLIA , CATALFO , FUCKSIA , BOTTICI , SERRA , NUGNES , MARTELLI , MORONESE , SANTANGELO , AIROLA , CIOFFI , GIARRUSSO– Al Ministro dello sviluppo economico. –

Premesso che:

in data 11 marzo 2015 è stata presentata, dalla prima firmataria del presente atto di sindacato ispettivo, presso il Ministero dello sviluppo economico formale istanza di accesso per estrarre copia degli atti riguardanti l’accordo Cevital, relativo al futuro delle ex acciaierie Lucchini di Piombino (PEC dell’11 marzo 2015);

la richiesta era stata preceduta da una serie di contatti telefonici con i funzionari degli uffici preposti del Ministero, a partire dal 17 dicembre 2014, data in cui è stata formulata una prima richiesta scritta;

i funzionari ministeriali interpellati avevano assicurato la più ampia collaborazione, garantendo che avrebbero rapidamente dato risposta alla richiesta presentata;

tuttavia il Ministero non ha mai fornito risposta scritta né alcuna documentazione, omettendo di rispondere anche a seguito di successive sollecitazioni;

solo in data 26 marzo 2015, a fronte di una nuova richiesta inoltrata direttamente al capo di Gabinetto, Vito Cozzoli, via PEC, è stato risposto per iscritto che la richiesta di accesso agli atti relativi all’accordo Cevital non può essere accolta (Uffici di diretta collaborazione del Ministro, Struttura UDCM-GAB., R.U. Prot. N. 0007370 – 26 marzo 2015);

considerato che, a quanto risulta agli interroganti:

il citato accordo è stato definito dal Governo come la soluzione che avrebbe rilanciato l’area industriale di Piombino dopo la chiusura dell’altoforno;

l’accordo, firmato tra il presidente della società Cevital, signor Issad Rebrab, e il commissario straordinario dell’acciaieria di Piombino, signor Piero Nardi, presso la Presidenza del Consiglio dei ministri alla presenza del premier, del Ministro dello sviluppo economico, del presidente della Regione Toscana e del sindaco di Piombino ha avuto una grande rilevanza mediatica;

lo stesso presidente Renzi ed autorevoli esponenti del Governo, tra cui il Ministro dello sviluppo economico, Federica Guidi, hanno ampiamente diffuso il messaggio che l’accordo avrebbe risolto molti dei problemi occupazionali dell’area e risollevato l’industria dell’acciaio (industria storicamente radicata a Piombino dall’800);

il Presidente del Consiglio dei ministri, a conclusione dell’accordo ha dichiarato: «Esprimo gioia, soddisfazione e gratitudine perché quest’accordo è strategico e rappresenta un grande messaggio agli investitori stranieri e per il futuro di un settore assolutamente decisivo per il domani. Oggi siamo felici di dire che, nell’ambito di un mercato globale, la qualità dell’Italia è fare cose belle con grande tenacia. Piombino è un pezzo del futuro dell’Italia» (da un articolo “Con Cevital Piombino è un pezzo del futuro dell’Italia”, “Il Tirreno”, cronaca locale di Piombino-Elba, del 9 dicembre 2014) e ha espresso soddisfazione anche attraverso “Twitter” con un messaggio;

considerato che, a parere degli interroganti:

gli eventi successivi all’accordo smentiscono evidentemente le dichiarazioni fatte dagli esponenti del Governo a seguito dell’accordo stipulato con Cevital;

se effettivamente tale accordo è stato risolutivo, non si comprende quale sia il motivo per cui dopo quasi 5 mesi l’altoforno è ancora spento e perché non si siano ancora concretizzate positive prospettive occupazionali per i lavoratori, né siano state intraprese concrete iniziative di sviluppo dell’area attraverso un chiaro piano industriale;

se effettivamente tale accordo è così vantaggioso per la collettività e per il futuro dei lavoratori, si rilevano circostanze di cui è difficile dare una spiegazione, sia per quanto riguarda le omissioni del Ministero che gli ostacoli frapposti al pieno accesso agli atti che compongono l’accordo,

si chiede di sapere:

se il Ministro in indirizzo intenda trasmettere alle Commissioni parlamentari competenti la documentazione relativa all’accordo;

quale sia la posizione del Governo sul futuro industriale dell’area di Piombino.

 

link al sito del Senato http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Sindisp&leg=17&id=913157

Interrogazione dei senatori 5 Stelle su Cevital

 

12 senatori del gruppo Movimento 5 Stelle al Senato hanno presentato un’interrogazione per conoscere l’accordo del Ministero con Cevital

 

 

 

 

PIOMBINO — Il caso Cevital arriva in Parlamento. L’accordo firmato al Ministero con i dirigenti delle nuove acciaierie Lucchini è infatti l’oggetto di un’interrogazione parlamentare che i senatori del Movimento 5 Stelle hanno presentato questa mattina.

Gli onorevoli Paglini, Puglia, Catalfo, Fucksia, Bottici, Serra Nugnes, Martelli, Moronese, Santangelo, Airola e Cioffi si sono rivolti al Ministro per lo sviluppo economico Federica Guidi “per estrarre copia degli atti riguardanti l’accordo Cevital, relativo al futuro delle ex acciaierie Lucchini di Piombino”.

I pentastellati fanno riferimento ad un precedente tentativo di accedere agli atti che tuttavia non ha trovato risposte dal personale del ministero e solo il 26 Marzo “è stato risposto per iscritto che la richiesta di accesso agli atti relativi all’accordo Cevital non può essere accolta”.

“Considerato che, a quanto risulta agli interroganti – scrivono ancora i senatori – il citato accordo è stato definito dal Governo come la soluzione che avrebbe rilanciato l’area industriale di Piombino dopo la chiusura dell’altoforno; l’accordo, firmato tra il presidente della società Cevital, signor Issad Rebrab, e il commissario straordinario dell’acciaieria di Piombino, signor Piero Nardi, presso la Presidenza del Consiglio dei ministri alla presenza del premier, del Ministro dello sviluppo economico, del presidente della Regione Toscana e del sindaco di Piombino ha avuto una grande rilevanza mediatica.

Gli eventi successivi all’accordo smentiscono evidentemente le dichiarazioni fatte dagli esponenti del Governo a seguito dell’accordo stipulato con Cevital; se effettivamente tale accordo è stato risolutivo, non si comprende quale sia il motivo per cui dopo quasi 5 mesi l’altoforno è ancora spento e perché non si siano ancora concretizzate positive prospettive occupazionali per i lavoratori, né siano state intraprese concrete iniziative di sviluppo dell’area attraverso un chiaro piano industriale;

Se effettivamente tale accordo è così vantaggioso per la collettività e per il futuro dei lavoratori, si rilevano circostanze di cui è difficile dare una spiegazione, sia per quanto riguarda le omissioni del Ministero che gli ostacoli frapposti al pieno accesso agli atti che compongono l’accordo,si chiede di sapere: se il Ministro in indirizzo intenda trasmettere alle Commissioni parlamentari competenti la documentazione relativa all’accordo; quale sia la posizione del Governo sul futuro industriale dell’area di Piombino”

 

 

fonte: http://m.quinewsvaldicornia.it/interrogazione-dei-senatori-5-stelle-su-cevital.htm

Interrogazione dei senatori 5 Stelle su Cevital

 

12 senatori del gruppo Movimento 5 Stelle al Senato hanno presentato un’interrogazione per conoscere l’accordo del Ministero con Cevital

 

 

 

 

PIOMBINO — Il caso Cevital arriva in Parlamento. L’accordo firmato al Ministero con i dirigenti delle nuove acciaierie Lucchini è infatti l’oggetto di un’interrogazione parlamentare che i senatori del Movimento 5 Stelle hanno presentato questa mattina.

Gli onorevoli Paglini, Puglia, Catalfo, Fucksia, Bottici, Serra Nugnes, Martelli, Moronese, Santangelo, Airola e Cioffi si sono rivolti al Ministro per lo sviluppo economico Federica Guidi “per estrarre copia degli atti riguardanti l’accordo Cevital, relativo al futuro delle ex acciaierie Lucchini di Piombino”.

I pentastellati fanno riferimento ad un precedente tentativo di accedere agli atti che tuttavia non ha trovato risposte dal personale del ministero e solo il 26 Marzo “è stato risposto per iscritto che la richiesta di accesso agli atti relativi all’accordo Cevital non può essere accolta”.

“Considerato che, a quanto risulta agli interroganti – scrivono ancora i senatori – il citato accordo è stato definito dal Governo come la soluzione che avrebbe rilanciato l’area industriale di Piombino dopo la chiusura dell’altoforno; l’accordo, firmato tra il presidente della società Cevital, signor Issad Rebrab, e il commissario straordinario dell’acciaieria di Piombino, signor Piero Nardi, presso la Presidenza del Consiglio dei ministri alla presenza del premier, del Ministro dello sviluppo economico, del presidente della Regione Toscana e del sindaco di Piombino ha avuto una grande rilevanza mediatica.

Gli eventi successivi all’accordo smentiscono evidentemente le dichiarazioni fatte dagli esponenti del Governo a seguito dell’accordo stipulato con Cevital; se effettivamente tale accordo è stato risolutivo, non si comprende quale sia il motivo per cui dopo quasi 5 mesi l’altoforno è ancora spento e perché non si siano ancora concretizzate positive prospettive occupazionali per i lavoratori, né siano state intraprese concrete iniziative di sviluppo dell’area attraverso un chiaro piano industriale;

Se effettivamente tale accordo è così vantaggioso per la collettività e per il futuro dei lavoratori, si rilevano circostanze di cui è difficile dare una spiegazione, sia per quanto riguarda le omissioni del Ministero che gli ostacoli frapposti al pieno accesso agli atti che compongono l’accordo,si chiede di sapere: se il Ministro in indirizzo intenda trasmettere alle Commissioni parlamentari competenti la documentazione relativa all’accordo; quale sia la posizione del Governo sul futuro industriale dell’area di Piombino”

 

 

fonte: http://m.quinewsvaldicornia.it/interrogazione-dei-senatori-5-stelle-su-cevital.htm

 

 

il testo integrale dell’interrogazione a questo lnk http://www.piombino5stelle.it/blog/articoli/438-int-sen-testo-cevital

Comunicato politico: presentazione prossimo Consiglio Comunale

Lunedì 27/04/2015 si terrà un consiglio comunale che per gli argomenti trattati risulta particolarmente interessante.

Oltre alla presentazione da parte della giunta del bilancio consuntivo per l’anno 2014, che è il documento di valutazione politica per eccellenza, il Movimento 5 Stelle ha presentato alcune mozioni che riteniamo toccare da vicino la vita dei nostri concittadini e che per la natura degli argomenti trattati meriterebbero la massima condivisione con le altre forze politiche rappresentate in consiglio. Prima fra tutte quella che riguarda l’istituzione del registro tumori per la città di Piombino. I Registri Tumori di Popolazione hanno il compito di: descrivere la situazione del cancro in varie popolazioni o sub-popolazioni, monitorare l’andamento dei tumori nel tempo, indirizzare la valutazione e la pianificazione dei programmi di prevenzione del cancro, aiutare a decidere l’allocazione delle risorse sanitarie, promuovere la ricerca epidemiologica e clinica, orientare le scelte amministrative che migliorino la salute dei cittadini. Questa è un’iniziativa che riteniamo molto importante sia per la presenza storica di impianti inquinanti sul nostro territorio (compreso le 2 discariche), ma anche per monitorare gli impatti delle nuove attività che si apprestano ad avviarsi, come ad esempio le attività di bonifica e la conseguente movimentazione di amianto. Altro fattore importante, alla luce della disastrosa riforma della sanità toscana, sarà quello di aiutare a capire se effettivamente le risorse in campo sanitario saranno distribuite sui territori in base alle reali necessità. Un altro punto importante che chiediamo di affrontare è l’abolizione del casello SAT di Vada, vergognoso balzello sulle tasche dei cittadini, e visto che il tema è stato già affrontato in sede regionale dal consigliere PD Matteo Tortolini ci aspettiamo la massima condivisione da parte della maggioranza. Da non tralasciare la nostra richiesta di liquidazione della partecipata ATM, anacronistica società composta dal solo consiglio di amministrazione ed inutile costo per le tasche dei cittadini. Gli argomenti trattati in questo consiglio saranno molti e particolarmente interessanti, quindi invitiamo i cittadini (di tutte le appartenenze politiche) a partecipare alla seduta ed a farsi un’opinione diretta su ciò che avviene in consiglio comunale.

 

MoVimento 5 Stelle Piombino

 

Chi è Online
There are currently 1 user and 0 guests online.
Online users
LikeBox
Facebook By Weblizar Powered By Weblizar